...
🥲 Tutto sul turismo e luoghi interessanti per rilassarsi. Recensioni di destinazioni di vacanza. Mappe, città e molto altro per i turisti.

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

55

Viaggiare in una città piena di magia, magia e la straordinaria bellezza dei luoghi architettonici è interessante in qualsiasi periodo dell'anno. D'estate – quando arriva il regno delle notti bianche, d'inverno – tra il fascino della neve. Anche la nebbia, le piogge frequenti non riducono l'interesse per la città. E in primo luogo sorge sempre la domanda su cosa vedere a San Pietroburgo. Sono possibili varie offerte, ma molte si riducono alla visita dei seguenti luoghi.

Prospettiva Nevskij

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

La via principale della città è il suo segno distintivo. C'era una volta, la strada che collegava l'Ammiragliato con l'Alexander Nevsky Lavra era chiamata “la strada per il monastero Nevsky”, Big Perspective, Big Nevsky (nomi non ufficiali).

Il primo nome ufficiale della vecchia strada fu Nevskaya Prospektivnaya (1738). Dal 1781 nacque il vero nome della via. Il viale attraversa la parte storica. Ci sono molti monumenti architettonici, musei, teatri.

Tra questi ci sono l'Ammiragliato, il Palazzo Stroganov, il Gostiny Dvor, la Cattedrale di Kazan, l'argine Moika, il ponte Anichkov, ecc. Per venire nei luoghi in cui ha camminato Pushkin, Samuil Marshak ha scritto poesie meravigliose. Ci sono diverse stazioni della metropolitana sulla Prospettiva Nevsky.

È meglio scendere alla stazione Nevsky Prospekt / Gostiny Dvor. Percorri l'intero viale dalla stazione “Mayakovskaya” o “Admiralteyskaya”.

Palazzo d'Inverno

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Il desiderio di guardare la maestosa struttura della città, girarci intorno, imparare leggende, segreti della vita del popolo reale appare in ogni visita. Durante la passeggiata, si propone di scoprire nuovi momenti dell'architettura, la storia del quinto palazzo imperiale, che adorna la Piazza del Palazzo.

Guarda le figure di 10 maestosi Atlantidei (furono costruiti da muratori nel 1844). Un capolavoro architettonico del barocco elisabettiano, che si estende lungo la Neva per 210 m.

Creata dal genio Rastrelli, la costruzione fu completata nel 1762. Dopo ripetuti rimaneggiamenti e ampliamenti, il palazzo conta 1084 stanze, 1476 aperture di finestre, 117 gradini. Tra questi ci sono i famosi locali: l'Alexander, l'Armeria, le Sale Bianche, il Soggiorno in Malachite, la Scala del Giordano, ecc.

L'altezza dell'edificio è di 23,5 m Un interessante decreto di Nicola I proibì la costruzione di edifici vicini più alti del palazzo.

La tecnica architettonica ha permesso di creare un effetto chiamato “Skyline di San Pietroburgo“. Dal tetto di qualsiasi edificio del centro storico è visibile quasi tutta la città. Gli edifici del palazzo furono costruiti intorno al cortile.

Insieme alla piazza, formano l'insieme più bello della moderna capitale settentrionale. Un edificio pomposo con un colonnato, statue e vasi originali sul cornicione, lo stucco servì come residenza degli zar russi per 150 anni. Dal 1917 fa parte del complesso museale.

Eremo

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Giganti silenziosi custodiscono l'ingresso del complesso museale pieno di milioni di tesori artistici e culturali portati da tutto il mondo. Quest'anno il museo unico ha compiuto 255 anni.

Il più antico tesoro d'arte del paese aprì le sue porte a chiunque nel 1852 durante il regno di Nicola I. La fondatrice e ispiratrice ideologica della creazione del museo fu Caterina la Grande. Dalla sua collezione iniziò a formare il più grande fondo dell'Eremo.

Il primo edificio del museo fu un'estensione del Palazzo d'Inverno. Serviva da angolo di clausura (tradotto dal francese significa l'Eremo). Ora l'area dell'Eremo è di 233.345 km 2. Ospita 3 milioni di reperti.

Le esposizioni sono dislocate in 365 sale tematiche. Il complesso comprende sei edifici: il Grande (Antico) Eremo, il Palazzo d'Inverno, il Nuovo, il Piccolo Eremo, il Teatro. Si connettono. Il museo ha il diritto di utilizzare il Quartier Generale, il Centro di Restauro del Borgo Vecchio, il Museo della Fabbrica Imperiale di Porcellane, il Palazzo Menshikov.

Le collezioni del museo contengono dipinti, sculture, disegni, reperti archeologici, ecc. Frequentate dai visitatori sono le sale: Alexander, Pavilion, White, Concert, Knight's. Sale dell'Antico Egitto, Tiziano, Leonardo da Vinci, Cultura dell'Antichità.

Per entrare nel magico mondo delle conquiste di diversi secoli, devi salire le famose scale del Giordano. Immaginate importanti ambasciatori stranieri che si recano dall'imperatore o ascoltate i passi del corteo che va al foro (Giordania) nella festa dell'Epifania.

Colonna di Alessandro

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Un unico insieme di Piazza del Palazzo è completato da un'alta colonna di granito di una rara tonalità e sostenuta solo dal suo stesso peso. Il monumento fu costruito nel 1834 ed è dedicato alla vittoria del popolo russo su Napoleone.

Lo stile della colonna continua le tradizioni delle strutture trionfali dell'antichità (Colonna di Troia). La principale differenza tra il capolavoro russo è l'uso di un unico pezzo di pietra monolitica.

In altezza supera di 10 m la sorgente originaria (il monumento di Roma) ed è considerata una delle colonne più alte del pianeta. La storia della creazione, il trasporto dalla cava di Pyuterlak (il lavoro è stato svolto sotto la guida di un ragazzo di 20 anni), la tecnologia di installazione della colonna hanno molti momenti interessanti che sono diventati leggende della città. L'altezza della colonna è di 47,5 m.

Le sue parti principali: piedistallo, centro monolitico, cima, recinzione, bassorilievi. Gli elementi della decorazione della colonna esprimono la glorificazione della vittoria con l'uso di cotta di maglia, elmi, armature, scudi, armi dell'esercito russo.

Sono realizzati nel pieno rispetto degli originali conservati nell'Armeria. I bassorilievi mostrano le date esatte delle vittorie più importanti. Figure di aquile bicipite adornano il piedistallo. La sommità dell'esile colonna è completata dalla figura di un angelo con una croce. È diventato un simbolo di pace, guarda in basso, protegge la città e preserva la pace degli abitanti.

Torre dell'Ammiragliato

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

La barca simbolica troneggia sulla città dal 1711. Spumante sulla torre dell'Ammiragliato, glorifica la forza della flotta russa. La torre si trova nella parte centrale della facciata principale. È stato più volte ricostruito e restaurato (l'ultimo lavoro è stato effettuato nel 2013).

La prima torre era di legno, nel 1738 fu completata la costruzione di una torre di pietra sotto la guida di Korobov. L'ultima versione è stata creata dall'architetto Zakharov.

L'edificio dell'Ammiragliato divenne a tre piani, fu decorato con 56 statue, 11 bassorilievi, 350 elementi in stucco. Apparve una nuova barca (la prima rimase fino al 1815 e andò perduta, la seconda è al Museo Marittimo). La visuale della prima nave ha un profilo a tre alberi, simile alla fregata di Pietro I.

C'è una leggenda secondo cui tre bandiere erano fatte di oro puro. Una nave in rame dorato è fissata su una guglia (una slanciata piramide ottagonale alta 23 m). Sotto c'è una palla con un contenitore d'oro, in cui c'erano campioni di monete coniate in città, e ora la Costituzione del paese.

I bordi della piramide sono ricoperti da lastre di rame dorato. Uno speciale cubo massiccio conferisce stabilità a una struttura alta. Sopra di essa ci sono 28 statue, che ammorbidiscono il passaggio alla parte stretta della torre. A livello delle colonne c'è una galleria che offre una vista panoramica.

Il quadrante dell'orologio si trova nel tamburo sopra il colonnato. La torre è spesso chiamata “l'Ago dell'Ammiragliato” e una bellissima barca è uno dei principali souvenir della città.

Cavaliere di bronzo

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

In Russia, i monumenti agli zar furono eretti solo nel XVIII secolo. Pietro I sognava di decorare la città, nata dal suo sogno, con una scultura monumentale dopo la morte. Apparve al centro della nascente Piazza del Senato nel 1782 in onore del centenario dell'ascesa al trono dello zar. Qui si trovava la Cattedrale di Sant'Isacco (fu spostata nella posizione attuale).

Rastrelli realizzò la prima statua equestre in bronzo, ma Caterina II ne ordinò una nuova. Ha vinto il progetto proposto da Maurice Falcone. Un cavaliere con una corona d'alloro in testa vola in cima a una scogliera a strapiombo su un possente cavallo.

Nella sua figura, vestiti, sguardo imperioso, è facile riconoscere il passo di Pietro I. Tutti gli elementi del monumento hanno un significato nascosto. Nascondi leggende, storie di vita reale. Ad esempio, una pelle d'orso al posto della sella, un serpente agli zoccoli di un cavallo fiero, un masso (piedistallo).

Questa pietra del tuono, portata dalle paludi vicino al villaggio di Konnaya Lakhta (dopo che è stata sollevata, si è formato lo stagno Petrovsky, che esiste ancora oggi). Si dice che il re osservasse il nemico durante la Grande Guerra del Nord da questo monolito.

Ci sono voluti due anni per consegnare la pietra al luogo, molti momenti difficili sono accaduti in quel momento. Il monumento è stato inaugurato dopo 12 anni di duro lavoro. In natura per la creazione del cavallo c'erano i cavalli delle scuderie reali: Brillante e Capriccio. Fu eseguita l'immagine del re, prendendo a modello la figura del generale P.I. Melissino.

Cattedrale di Kazan

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Una delle chiese più grandi della città, che ricevette lo status di cattedrale durante il regno di Elisabetta Petrovna, apparve sul sito della Natività – Chiesa della Madre di Dio. Fu eretto in onore dell'icona miracolosa di Nostra Signora di Kazan. La stessa icona che è stata trovata 25 anni dopo l'incendio di Kazan. L'icona (“zelante intercessore”) è considerata la patrona della città, la dinastia dei Romanov.

È apparsa qui nel 1708. I membri delle famiglie reali si sposarono nella chiesa a lei intitolata. Pavel I Principessa di Darmstadt. Per volere di Paolo I, a metà del 18° secolo, la Cattedrale acquisì il suo aspetto grandioso, che è sopravvissuto fino ad oggi.

Dopo la guerra con Napoleone, acquisì le funzioni di monumento della gloria russa: qui è sepolto Kutuzov, sono conservati stendardi, chiavi delle città conquistate, trofei di guerra. Le caratteristiche architettoniche del tempio sono un colonnato di 96 colonne, un'enorme cupola (fu la prima cupola in ferro battuto con un diametro di 17,7 m).

Inizialmente le facciate della cattedrale furono rifinite con lastre di marmo, decorate con statue e rilievi. Le porte settentrionali erano in bronzo nello stile delle famose “porte del paradiso” del Battistero di Firenze. Insieme al santuario principale della cattedrale (l'icona di Kazan della Madre di Dio), la cattedrale ora ospita venerate immagini di San Nicola Taumaturgo, l'icona del Salvatore, la Resurrezione di Cristo con una particella del Santo Sepolcro, Golgota con una particella del Sepolcro vivificante.

Di fronte al tempio degli anni '30 del XIX secolo ci sono monumenti a Kutuzov, Barclay de Tolly.

Cattedrale di Sant'Isacco

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

L'idea di una struttura monumentale costruita per secoli è espressa dalla frase sul portale settentrionale: “Signore, il re si rallegrerà della tua forza”. Il tempio a cinque cupole con quattro campanili ha un'altezza di 101,5 m, una lunghezza di 111,3 m, una larghezza di 97,6 m, una cupola di 25,8 m di diametro.

L'edificio colpisce per le sue dimensioni, imponenza, originalità. 72 colonne di massicci pezzi di granito salgono ad un'altezza di 40 m (per la prima volta nella storia dell'architettura). La campana principale da 30 tonnellate presenta ritratti di sovrani russi.

Legalmente, c'è una chiesa e un museo sotto lo stesso tetto. Ci sono sempre molti credenti e turisti qui. I visitatori sono invitati a salire sul ponte di osservazione del colonnato lungo la scala a chiocciola e vedere la città più bella della Russia.

All'interno della cattedrale regnano prodotti realizzati in marmo colorato: tonalità bianche, rosa, verdi, gialle, rosse. Ardesia nera che decora il pavimento, pannelli di diaspro, porfido alle pareti. L'insolito altare è ricoperto di lapislazzuli e malachite. La cattedrale ha oltre 300 statue, 60 tipi di mosaici, un gran numero di dipinti di artisti russi.

Per la prima volta nell'architettura di una chiesa ortodossa è stata utilizzata una vetrata. La vetrata dell'altare raffigura la Resurrezione di Cristo. La costruzione della Cattedrale (40 anni) ha dato origine a molte leggende e predizioni interessanti. Molti di loro si sono avverati.

Salvatore sul sangue versato

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Il destino della Cattedrale della Resurrezione (Salvatore sul Sangue) è complesso e tragico. Eretto come tempio-monumento al re assassinato, fu sull'orlo della chiusura e della distruzione più di una volta. Per felice decisione delle autorità, la Cattedrale è stata preservata, restaurata e ha ricevuto una seconda nascita nel 1997.

La consacrazione iniziale avvenne nel 1907, ripetuta nel 2004. Ora, camminando lungo la Prospettiva Nevsky, sulle rive del canale Griboedov, puoi vedere una vera danza di 9 cupole multicolori, kokoshnik scolpiti, pilastri e sculture in pietra originali. Doratura, smalto, mosaico, luccichio di granito nella decorazione esterna.

La cattedrale è simile alla cattedrale di San Basilio a Mosca. L'interno del tempio è un regno di mosaici magici (la superficie totale raggiunge i 7000 m2). Il pavimento della cattedrale è ricoperto da 45 dipinti a mosaico con motivi originali.

Ci sono anche icone a mosaico sotto la cupola del tempio. L'iconostasi è realizzata in marmo colorato. Sembra un albero. Il luogo principale della Cattedrale è il baldacchino sul luogo in cui fu ferito il re. È fatto di pietre preziose (il costo della costruzione è la metà dell'importo speso per la costruzione del tempio).

Si sono conservati un tratto del terrapieno e un pezzo del reticolo di recinzione. Il luogo è coperto da una cupola, qui la lampada è sempre accesa.

Palazzo Michajlovskij

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

L'edificio storico in stile Impero fu eretto su progetto dell'architetto Rossi sul territorio dove sorgeva il “Terzo Giardino d'Estate”. La consacrazione del Palazzo Mikhailovsky (era destinato al principe Mikhail Pavlovich) avvenne nel 1825.

L'insieme architettonico comprendeva gli edifici del palazzo, due annessi ai lati. Piazza di fronte all'edificio, due nuove strade: Mikhailovskaya, Inzhenernaya. Sul lato del Campo di Marte fu posata la tenuta Mikhailovsky Garden. La facciata del palazzo è ornata da otto colonne (colonnato corinzio) con frontone triangolare, archi, finestre con teste di leone in pietra, 44 bassorilievi.

Lo scalone principale è decorato con copie di antichi leoni scoperti durante gli scavi nell'antica Roma. Al 1° piano si trovavano gli alloggi personali del Granduca, un arsenale di armi, le stanze degli ospiti per i cortigiani. Un ufficio, una biblioteca, una sala di ricevimento, un soggiorno, una chiesa domestica occupavano il secondo piano. Le sale interne erano situate in un'infilata.

Brillavano di finiture, ricchi decori, selezionati con grande gusto in un'unica armoniosa composizione. Il pavimento in parquet era realizzato con i legni più costosi: sacchardan, nero, viola, palma, zafferano.

Nel palazzo venivano costantemente organizzati ricevimenti e balli dell'alta società. Per preservare l'edificio (dopo la morte del principe) nel 1895 vi fu aperto il Museo Imperiale di Arte Russa. L'intero complesso del palazzo è stato messo a disposizione del museo.

L'apertura del Museo Russo ebbe luogo nel marzo 1898. Ora ospita la più ricca collezione di opere di artisti russi.

Castello Michajlovskij

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Il castello degli ingegneri è uno dei luoghi più insoliti e misteriosi della città. Lo stile architettonico rigoroso e grazioso dell'edificio si differenzia dai palazzi grandiosi e ricorda una fortezza medievale. Il futuro imperatore Paolo nacque nelle sue stanze nel 1754. Qui, nella sua stessa camera da letto, fu ucciso (secondo la leggenda, il suo fantasma vaga ancora per il castello).

Il castello è considerato un simbolo espressivo dell'era pavloviana, incarnando il carattere e il gusto artistico del proprietario. La grande forza, la potenza della Russia come potenza marittima, si esprimeva in interessanti elementi costruttivi.

Si tratta di fossati di protezione, ponti, parapetti, grate in ferro, canali. Il castello si trovava su un'isola e dava l'impressione di apparire dall'acqua. In tempi successivi molti furono distrutti. Anche il colore originale delle mura del castello è ricco di leggende.

Adesso è rosa, quasi come l'originale (rosato-arancio-giallo). Anche se per molti anni le mura del castello erano rosso mattone. Dal 1823 l'edificio ospitò la Scuola Principale di Ingegneria, che gli diede il secondo nome di Castello degli Ingegneri. Dal 1990 c'è una filiale del Museo Russo con numerose opere di artisti e artigiani del Rinascimento che hanno lavorato in Russia nei secoli XVIII e XIX.

Argine del fiume Fontanka

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Una passeggiata lungo il vecchio terrapieno parte dalla Neva, attraversa il centro e termina vicino all'isola di Gutuevsky, dove la Fontanka sfocia nella Bolshaya Neva. L'antico fiume si chiamava Golodusha, Erik senza nome, e nel 1737 prese il nome dalle fontane del Giardino d'Estate (prima il fiume Fontana, poi Fontanka).

Tubi di granito, grate di ferro forgiato sono utilizzate nelle ringhiere (sono state realizzate negli Urali dagli artigiani delle fabbriche Demidov) trattengono il fiume per 7 km. Per la prima volta, il terrapieno fu decorato negli anni Cinquanta del Settecento con l'aiuto di staccionate di legno.

Nel 1789, il fiume fu raddrizzato, approfondito, vestito con un abito di granito e furono costruiti pendii. Il primo edificio sull'argine è considerato il Palazzo d'Estate dell'imperatore Pietro I. In futuro, fu permesso di costruire strutture architettoniche costose e monumentali nell'idea di magnifici palazzi e lussuose dimore.

Epoche passate hanno lasciato il segno sulle rive della Fontanka. I ponti belli e originali sono diventati la sua decorazione speciale. Il simbolo del fiume è il famoso monumento a Chizhik – cerbiatto, in piedi accanto al castello di Mikhailovsky. Le divise giallo-verdi degli studenti della Scuola di Diritto Imperiale divennero il motivo della nascita della celebre canzone e del monumento originario.

Palazzo Stroganov

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Il monumento architettonico, costruito secondo il progetto di Rastrelli, appartiene ai più antichi (sopravvissuti) esempi di barocco russo. Dal 1988 ospita una filiale del Museo Russo. Prima della rivoluzione del 1917, il palazzo apparteneva alla famiglia di industriali Stroganov. Nel 18° secolo era l'unico edificio residenziale sulla Prospettiva Nevsky.

Nel lussuoso palazzo si tenevano balli e cene dell'alta società. Il creatore degli interni dei locali del palazzo era Voronikhin, Demertsov. Stanze separate, stanze del palazzo sono ben conservate, ad esempio: lo studio del conte, la sala Hubert Robert, la stanza dei minerali, le stanze di fisica, la biblioteca, la pinacoteca.

I rappresentanti della famiglia Stroganov iniziarono a collezionare collezioni d'arte e libri all'inizio del XIX secolo. Molti pittori russi, essendo studenti dell'Accademia delle Arti, realizzarono le loro prime copie di opere famose basate sugli originali della pinacoteca degli Stroganov.
La prima mostra pubblica di sculture e dipinti conservate nel palazzo si tenne nel 1897. Dopo il trasferimento del palazzo al Museo Russo, un restauro su larga scala della facciata dell'edificio è tornato al suo stato originale.

In onore del 300° anniversario della città, i visitatori possono visitare (ora viene offerta la visita di 23 stanze, tra cui il famoso salotto Arabesque). In una parte dell'edificio iniziò a funzionare il Museo del Cioccolato.

Palazzo Anichkov

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Uno dei palazzi imperiali apparve sull'argine di Fontanka in un momento in cui qui si trovava la periferia della città e la famosa Prospettiva Nevsky era una normale radura della foresta. La disposizione dei dintorni del palazzo ricorda fontane, aiuole di Peterhof.

La forma dell'edificio a più piani è realizzata sotto forma di una lettera “H” estesa e il nome deriva dal ponte Anichkov, situato nelle vicinanze. La costruzione del palazzo avvenne per ordine dell'imperatrice Elisabetta dal 1741. L'edificio serviva spesso come dono delle imperatrici ai loro favoriti (Razumovsky, Potemkin), passava di mano in mano.

Nikolay veniva spesso qui durante il digiuno, l'intera famiglia vi abitava per qualche tempo. L'infanzia del futuro Alessandro II trascorse nei locali del palazzo. Qui erano spesso presenti personaggi famosi di quei tempi. Zhukovsky (un amico del poeta) vi aveva il suo alloggio.

Anche Pushkin fu invitato qui nel 1836 per una conversazione con l'imperatore chiedendo il rifiuto del duello. Il palazzo divenne la residenza di Alessandro III. Per molto tempo dopo la rivoluzione, il Museo della Città si trovava nell'edificio più antico della Prospettiva Nevsky. È chiuso dal 1925. Nel 1937, i Palazzi dei Pionieri, Young Creativity, Anichkov Lyceum iniziarono a lavorare nell'edificio.

Casa di Pietro il Grande

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

In occasione della celebrazione dell'adesione delle terre e della posa di una nuova città nel maggio 1703, fu costruito (in tre giorni) il primo edificio della futura San Pietroburgo, una casa per Pietro I. quartiere. Negli antichi documenti dell'epoca era chiamato “vecchio rosso horomtsy”, “coro rosso”.

È stato costruito con tronchi di pino tagliati come una capanna russa, ma con elementi dell'architettura olandese, che ha affascinato lo zar. Ad esempio, l'aspetto di un edificio in pietra è stato creato da tronchi tagliati dipinti come mattoni rossi, un tetto alto ricoperto di tegole simili a tegole. Il re vi abitava d'estate, quindi non c'erano stufe o camini in casa.

Lungo i bordi del tetto sono state installate (non sono state conservate) “bombe con una torcia fiammeggiante”. Il re si trasferì nei Palazzi d'Estate e d'Inverno e la casa fu abbandonata per molto tempo. Prima della Rivoluzione d'Ottobre, qui funzionava una piccola cappella.

L'edificio ottenne lo status di museo storico e commemorativo nel 1930. Fu aperto ai visitatori nel settembre 1944. Le esposizioni del museo presentano oggetti autentici di Pietro I, oggetti per la casa, informazioni sulla Guerra del Nord, la fondazione della città, le fasi di restauro della casa. All'ingresso del Museo è presente una targa in bronzo che indica l'altezza del Gran Re: 2 e 4 cm.

Incrociatore Aurora”

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

La nave-museo è diventata un'eredità culturale della Russia ed è diventata una delle navi più famose del mondo, il cui destino non è finito sul fondo del mare o in un mucchio di rottami metallici. Il leggendario incrociatore ha cambiato il corso della storia mondiale durante la rivoluzione del 1917.

Oltre al colpo a salve, che divenne il segnale dell'assalto al Palazzo d'Inverno, la nave prese parte ad altri eventi storici del secolo scorso. Sopravvisse con dignità all'inferno di Tsushima, scampò alla morte durante la prima guerra mondiale, si riprese dopo l'assedio di Leningrado e divenne uno dei musei di San Pietroburgo.

Dopo averlo visitato, si propone di conoscere la storia del nome, la creazione della nave. Ascolta come l'Aurora nel ruolo della famosa nave Varyag è stata girata nel film con lo stesso nome. L'incrociatore è stato realizzato presso il cantiere navale baltico.

Il primo varo avvenne l'11 maggio 1900 alla presenza di Nicola II e delle due imperatrici Maria e Alessandra Feodorovna. C'è un maestoso incrociatore (è considerato un ramo del Museo Navale) sull'argine di Petrovskaya.

Fortezza di Peter-Pavel

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Creando la città, Pietro I ha cercato di rafforzare la posizione dominante della capitale con speciali strutture architettoniche. L'isola deserta di Hare fu scelta per la costruzione dei bastioni della fortezza e di altre strutture.

La Fortezza di Pietro e Paolo è considerata la prima fortificazione di tipo bastione in Russia. Non ci sono torri difensive al suo interno e ogni metro dell'isola veniva utilizzato per costruire le mura della fortezza.

Non ci sono mai state battaglie con il nemico. Per due secoli la fortezza servì come prigione politica. In esso c'erano Tsarevich Alexei, la principessa Tarakanova, i Decabristi, Gorky, Chernyshevsky, ecc.

In tutta la storia della sua esistenza, dal carcere della Fortezza di Pietro e Paolo non è stata fatta una sola evasione. L'insieme architettonico della fortezza comprende la Zecca, il Tesoro Maggiore, la Casa Botanica. Krmendantsky e casa di ingegneria, corpo di guardia, magazzino di artiglieria. Un posto importante è occupato dalla Chiesa di Pietro e Paolo.

La sua altezza doveva essere più alta della Torre Menshikov, il campanile di Ivan il Grande. La guglia della cattedrale è decorata con una figura dorata di un angelo con una croce (che ha una storia interessante). Su richiesta del re, il tempio fin dai primi giorni fu la tomba dei membri della dinastia. Ci sono 60 tombe a forma di cripte di cemento.

Pietro I è sepolto sul lato sud del tempio. Durante la vita del re, la bandiera veniva issata e abbassata ogni giorno sul bastione del Sovrano, il che significava la fine della giornata lavorativa. Ora è in costante sviluppo sulla Flag Tower.

È stata conservata anche la tradizione di un colpo di mezzogiorno (l'ora dell'ammiraglio, nato nel XVIII secolo) dai cannoni sul bastione di Naryshkin. I residenti controllano l'ora in base allo sparo.

Parco Alessandro

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Nella vasta terra desolata della città di Pushkin (Tsarskoye Selo) si trova un monumento architettonico del XVIII-XIX secolo. L'idea della creazione appartiene ad Alessandro I, ma furono in grado di realizzare l'idea sotto il regno di Nicola I. Il parco inizia proprio dietro l'ingresso principale del Palazzo di Caterina.

Sul territorio di circa 200 ettari si trova un Giardino Nuovo, un Parco Paesaggistico, un complesso di edifici architettonici in stile neo-russo. Questa è la città di Feodorovsky, la Cattedrale, la Camera Militare. Edificio dell'Arsenale restaurato, caserme, scuderie, Great Chinese Bridge, ecc.

Nel Giardino Nuovo c'era un sipario (gazebo) “Fungus”, il Teatro Cinese. Qui puoi vedere il Monte Parnaso, il villaggio cinese (1780), lo stagno di Ozerka. Il parco paesaggistico ha preso il posto del serraglio. Si trasferì a Gatchina insieme alla caccia imperiale.

Nel parco si trova l'edificio dell'Arsenale (in precedenza c'era un padiglione di caccia “Monbijou”), la Torre Bianca (dopo il restauro ospita un centro museale per bambini). Nel 1796 su questo territorio fu eretto il Palazzo di Alessandro. Era la residenza reale.

Da questo palazzo fu inviata la famiglia imperiale di Nicola II a Ekaterinburg. Secondo le leggende esistenti, la tomba di Grigory Rasputin si trovava nel parco. Dal 1918 il parco ha ricevuto lo status di museo. Durante la guerra il palazzo aveva una caserma e una prigione per prigionieri di guerra. Dal 1946 è aperta ai visitatori, i lavori di restauro sono costantemente in corso.

Peterhof

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

La città fu fondata da Pietro I come residenza di campagna della famiglia imperiale nel 1719 (ricevette lo status di città nel 1762). L'insediamento è stato creato come simbolo della vittoria della Russia nell'accesso al Mar Baltico.

Distribuita lungo il Golfo di Finlandia, la città è immersa nell'atmosfera di numerosi parchi, palazzi e vari luoghi d'interesse. Tra questi c'è un monumento dell'architettura mondiale e dell'arte dei palazzi e dei parchi: la Peterhof Museum Reserve.

L'ensemble comprende il Great Peterhof Palace, il Giardino Superiore, il Parco Inferiore. L'idea di installare fontane originali è di Pietro I. L'acqua vi scorre per gravità a causa della pendenza naturale dell'area. La più alta è la fontana “Sansone”. La prima colonna di spruzzi d'argento sorse nel 1721. Il sistema di canali che alimenta le strutture funziona correttamente da tre secoli.

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

Ci sono 170 fontane e quattro cascate in città: Bolshoi, Chess Mountain, Golden Mountain, Lion. Il numero totale di parchi cittadini è di 10 nomi (tra questi ci sono Kolonistsky, Aleksandrovsky, English, Lugovoi, ecc.).

Storicamente vi si sono formate quattro parti (come insediamento per una residenza). Questi sono Old, New, Middle Peterhof e Egerskaya Sloboda. Tutti sono interessanti per l'ispezione, la conoscenza della città dei re, dove sono nate e cresciute 6 famose principesse, principi, figli di Nicola II, Alessandro III, Nicola I.

Carskoe Selo

Cosa vedere a San Pietroburgo in primo luogo: foto, descrizione, mappa

La storia di Carskoe Selo inizia nel 1710. Pietro I ha conquistato un nuovo territorio. Su di esso c'era la tenuta di un ricco maniero svedese Sarskaya. Peter I lo presentò alla sua futura moglie Catherine. Si stanno erigendo i famosi palazzi di Caterina e Alessandro, si sta formando il bellissimo Parco Alexander con linee rigorose e sculture antiche alla maniera olandese.

La riserva-museo di Carskoe Selo, divenuta un monumento di architettura e arte paesaggistica di importanza mondiale, riflette le tracce della vita di molti zar russi. I palazzi con la lussuosa decorazione delle sale stupiscono ancora oggi con ricchezza, bellezza, armonia.

Nel magnifico Palazzo di Caterina c'è una “Golden Enfilade” di sale cerimoniali, la rinnovata Sala d'Ambra. Le attrazioni di Carskoe Selo includono molti luoghi storici. Questo è il Tsarskoye Selo Lyceum, dove Pushkin, Kuchelbecker, il decabrista Pushchin e Delvig hanno trascorso la loro giovinezza.

La dacia di Pushkin, dove trascorsero i primi mesi della vita familiare del poeta. La Camera del Sovrano, che divenne l'unico museo della prima guerra mondiale in Russia. Il Padiglione dell'Arsenale, che ospita la collezione imperiale di armi.

Città di Fedorovsky sotto forma di un complesso di edifici tra le mura della fortezza, concepita nello stile degli edifici monastici. Fattoria Imperiale, situata vicino alla Camera dei Guerrieri. Ci vivono cavalli ben curati, sui quali puoi cavalcare.

Luoghi interessanti di San Pietroburgo sulla mappa

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More